P E A C E    D I V I D E N D


      



Inizi anni '90, il muro di Berlino era stato finalmente abbattuto, si dissolveva il Patto di Varsavia, l'Unione Sovietica iniziava un rapidissimo processo che la porterà alla sua disgregazione. La contrapposizione dei blocchi Est/Ovest non aveva più ragione di esistere. Nelle nazioni aderenti la NATO iniziò a diffondersi la richiesta di una diminuzione delle spese per gli armamenti. Se le cause della Guerra Fredda erano scomparse, o comunque fortemente ridimensionate, anche le cospicue risorse investite nelle forze armate dovevano essere ridimensionate o almeno ridotte.
Il processo di riduzione della spesa per il settore militare venne chiamato il dividendo per la pace: peace dividend

In tale contesto la Regione Lombardia istituì l'Agenzia per la riconversione dell'industria bellica

In queste pagine potrete trovare uno studio dettagliato e completo sull'Agenzia per la riconversione dell'industria bellica della Regione Lombardia, inclusa un'analisi della legge regionale n. 6 del 1994, una ricostruzione storico-politologica dell'Agenzia dall'attivazione alla sua implementazione e l'analisi dei processi decisionali nell'assegnazione dei fondi. 

Per qualunque tipo di richiesta, segnalazione, commento, critica o altro  utilizzate il nostro form oppure potete scrivere all'indirizzo: info@peacedividend.eu




















pagina pubblicata:2004
aggiornamento:2014

Document made with Nvu

Tutti i contenuti di questo sito www.peacedividend.eu sono di proprietà di Massimo Scampini. 

utilizzo consentito di parti di esso per scopi non-commerciali previa citazione dell'autore e del sito web www.peacedividend.eu

Per informazioni contattare: info@peacedividend.eu